Come combattere lo scoraggiamento e la depressione spirituale

Auto-aiuto - Salute e Benessere - Consigli e segreti per stare bene

Come combattere lo scoraggiamento e la depressione spirituale

Sei scoraggiato? Ti senti un po’ giù? Ti chiedi perché dovresti preoccuparti di vivere coerentemente la tua vita cristiana che a volte ti sembra un vero e proprio fallimento?

Ora ti faccio qualche altra domanda, prova a rispondere in tutta sincerità: Chi di noi non si è sentito inutile alle volte? Chi non è stato colto da qualche moto di impazienza con se stesso, con le cose, con le persone che lo circondano e chi non si è scoraggiato per la mancanza di progresso spirituale? (Luca 8:15).

Ricorda, “NON SEI SOLO IN QUESTA BATTAGLIA!”. Tutti noi attraversiamo almeno una volta le valli “dell’ombra della morte”. Ma abbi coraggio, non disperare, la strada la ritroverai presto! “Perché sei abbattuta, anima mia? E perché sei così inquieta? Spero in Dio: perché lo loderò ancora, perché Egli è la salute del mio volto, è  il mio Dio” (Sal 42:11).

Chi ti incoraggerebbe a smettere di lottare? Cristo vorrebbe forse che ti arrendessi? Chi è MORTO per te? Dio stesso e certamente lui non ti fa alcuna pressione perché tu ti arrenda. La maggior parte degli uomini non si rendono assolutamente conto di quale razza di bestia (nostro nemico N. 1) dobbiamo affrontare ogni giorno. Anche quelli che non hanno rifiutato espressamente le seduzioni del diavolo non sono immuni dalla sua azione nefanda, soprattutto non hanno capito quanto egli sia davvero pericoloso per la nostra salute e il nostro benessere. Dio raccoglie tutti quei pezzi di vita che sono stati selvaggiamente strappati e lasciati morire a causa del peccato (Isa. 49: 24-25; Amos 3:12).

Satana ha la schiuma alla bocca per l’invidia del nostro incredibile potenziale umano e vuole portarci alla rovina totale, è come un cecchino che tenta sempre di ucciderci e lo fa con tutti, uno alla volta vorrebbe distruggere la bellezza che c’è in ogni uomo, creatura fatta ad immagine di Dio.

Il demonio odia in modo implacabile tutta l’umanità con rabbia gelosa (perché siamo creati dopo l’avvento dell’idea dell’umanità divina) e satana ha particolarmente preso di mira i fratelli in Cristo (1 Pt. 5: 8-11).

Il Diavolo può realmente prendersi alcune cose di te, i doni che Dio ti ha dato, le virtù che Dio ti ha posto nel cuore. Satana le distorce, togliendole dal contesto della tua vita quotidiana. Cerca di annientarle portandoti allo scoraggiamento per DISTRUGGERE la tua volontà di sopravvivere. Egli ti riempie di rabbia, la stessa che prova lui stesso nel vedere la mirabile creazione del nostro Dio che egli vuole distruggere ad ogni costo.

Il diavolo non smette mai di mettere in cattiva luce le opere di Dio, vuole distruggere e annientare la nostra fede in Lui, perché è un ASSASSINO CHE DIVORA LE SUE PREDE, E’ IL MALE A CARATTERI CUBITALI! (Giovanni 8:44; Apocalisse 12:10). Ma non lasciare che i poteri dell’oscurità superino la tua volontà di vivere nella luce. Non accettare di farti oscurare la mente da Satana. Non cadere in preda al suo disperato atteggiamento di sconfitta. Non ha il diritto di condannare nessuno (Rom. 8: 1,33).

Il Re Davide si era anch’esso scoraggiato ma non ha posto fine alle sue preghiere A Dio ed in questo modo ha mostrato in se stesso l’effetto curativo dello Spirito Santo sulle nostre menti quando con tutto il cuore siamo impegnati nella PREGHIERA UNITIVA che ci unisce a Dio. “Ero morto se non avessi creduto di vedere la bontà dell’Eterno nel paese dei vivi. Aspetta con speranza l’Eterno: sii coraggioso, ed Egli rafforzerà il tuo cuore” ( Sal 27: 13-14). Davide credeva nella bontà di Dio, sperava nella sua misericordia e aspettava la sua grazia, per potenziare le sue virtù (2 Cor. 12: 9).

Dio ci darà la grazia di sopportare i molti fardelli della vita (Ebr. 4:16). Il suo Spirito Santo ci consente di essere creature – piene di grazia – anche in circostanze avverse. Viviamo e impariamo attraverso una varietà di situazioni e la nostra fede ci insegna ad essere gentili, amorevoli, pieni di parole incoraggianti verso i fratelli, ci invita ad agire con le buone azioni, con rettitudine e misericordia anche verso chi ci fa del male. Davide sapeva senza ombra di dubbio che: “L’Eterno suo Dio darà forza al suo popolo: l’Eterno Padre benedirà il suo popolo con forza” (Sal 29:11). Perciò “Sii coraggioso ed Egli rafforzerà il tuo cuore, non disperate tutti voi che sperate nell’Eterno” (Sal 31:24).

Anche se ti sembra di essere stato spazzato via dai tuoi peccati e a causa di essi hai avuto l’impressione che ti abbiano portato lontano da Dio e fatto schiavo di Satana che ti tiene prigioniero nel duro carcere delle passioni mondane (2 Tim. 2:26; 1 Cor. 5: 5), ricorda che Dio è più forte e si ricorderà di te. Non ti ha mai dimenticato. Sion disse: “L’Eterno mi ha abbandonato e il mio Signore mi ha dimenticato”. Ma può una donna dimenticare il suo bambino che piange, non dovrebbe avere compassione per il figlio del suo grembo? Sì, gli uomini possono dimenticare ma Io non ti dimenticherò. Ecco, ti ho posto sui palmi delle mie mani, le tue mura sono davanti a me “(Isa. 49: 14-16).

L’amore di Dio per noi va ben oltre il nostro amore per Lui. Lo ha dimostrato quando ha permesso che suo figlio Gesù fosse trafitto mani e piedi e ha lasciato che gli uomini lo innalzassero sul palo di una croce per abbracciare tutta l’umanità in una universale “morsa d’amore” (Zacc. 13: 6).

Molti sono stati follemente ingannati dal peccato e sono come intrappolati dalle loro stesse idee superficiali – sono come imbrigliati e si trovano in una molto zona pericolosa – ma fintanto che non si arrendono e non depongono le armi della buona battaglia della fede, POSSONO superare ciò che li ha attualmente superati (Ebr. 3:13; 2 Pet. 2 : 20).

Solo coloro che hanno completamente voltato le spalle a Dio rinunciando a combattere e che si rifiutano di rialzarsi quando cadono preda del peccato, perderanno la loro vita e saranno sconfitti.

“Eppure per tutto questo (nonostante noi stessi, dice Dio), quando saranno nella terra dei loro nemici, Io non li getterò nella fossa, né li abbandonerò, non li distruggerò e non romperò la mia alleanza con loro: perché Io sono il Signore loro Dio “(Lev. 26:44).

Dio promette misericordia, di riunire e ripristinare ciò che sembra perduto. Ci libererà da quei peccati che hanno crudelmente trattenuto il nostro tempo e la nostra attenzione verso cose periture, allietando i nostri sensi spirituali – ripristinando tutto ciò che la guerra psicologica di Satana sembrava aver distrutto in noi (Luca 22: 31-32; Deut. 28: 66-67) – riportandoci alla sanità mentale e al giusto rapporto con Lui (a cui apparteniamo), anche “Se qualcuno dei tuoi viene scacciato lontano dal cielo, da lì l’Eterno, il tuo DIO, lo riprenderà “(Deut. 30: 3-4). Non importa quanto lontano sei andato, Dio non ti ha perso di vista. “Dove potrò fuggire dalla tua presenza o mio Dio?” (Sal.139: 7).

Se inizi a chiedere aiuto a Dio, anche solo con un piagnucolio debole, egli sentirà il tuo lamento, ascolterà la tua invocazione e ti risponderà. “L’Eterno è vicino a quelli che hanno il cuore spezzato e salva quelli che hanno uno spirito contrito… nessuno di quelli che confidano in Lui sarà deluso” (Sal 34: 18,22). “Perché non contenderò per sempre col mio popolo, né sarò sempre adirato con le mie creature… Ho visto le sue vie e le guarirò: le guiderò e ridarò conforto ai loro lutti”(Isa. 57: 15-18).

Dio vede in quali problemi ci troviamo e come ogni giorno ci barcameniamo tra mille difficoltà e delusioni. Egli vede dove il nostro peccato ci ha portato e come siamo stati ingannati, egli sa che siamo arrivati quasi ad un punto di non ritorno, ma ricorda “NULLA può separarti dall’amore di Dio se tu non lo permetti e non abbandoni il tuo Signore (Rom 8: 35- 39). Finché c’è in te anche una piccola scintilla dello Spirito di Dio, Egli può rinnovare la tua mente e trasformare il tuo cuore e la tua vita (Sal 51:10). Dio finirà ciò che ha iniziato nelle nostre vite (Filipp 1: 6; Isa. 66: 9). Non dimenticare mai che adoriamo un DIO CHE COMPIE MIRACOLI!

Ricorda che il figliol prodigo era ancora distante da suo padre, i loro rapporti si erano diradati ma quando tornò a casa – già quando era ancora molto lontano – “suo padre lo vide, e ebbe compassione, corse verso di lui, gli volò al collo e lo baciò “(Luca 15:17, 20).

Dio sa dove sei in questo momento e conosce bene ogni angolo del tuo cuore, ti ama, ti compatisce e comprende le tue sofferenze. Egli sa in quale direzione va il tuo cuore e la tua mente anche se le tue azioni non sono ancora secondo la sua volontà. Dio sa che con il tempo ti convertirai e tornerai a lui. Egli pazienta e ti attende con amore “Perché ricorda di cosa è fatto il nostro corpo; ricorda le nostre debolezze e che siamo fatti di sola polvere” (Sal.103: 14). Dio vuole incoraggiarci a cambiare, ci attende trepidante e brama una stilla del nostro amore (2 Cor. 2: 7).

Facciamo in modo che si una critica costruttiva, non distruttiva. Giudizio sì ma con misericordia. Dio aiuta le sue creature ma Satana ostacola il progresso ma noi CONQUISTIAMO LA VITTORIA CONTINUANDO nel cammino di fede, un passo alla volta (1 Thes. 2:18; 2 Pet. 3:18). Dio ha dato a Davide il Regno ma egli ha dovuto lottare per mantenerlo saldo! Anche noi dobbiamo farlo (Matt. 11:12; I Tim. 6:12). Non possiamo dare tutto per scontato. Dobbiamo continuare la lotta (Luca 13:24), perché vale davvero la pena combattere per tutte le cose in cui credi. La crescita in noi arriva per gradi. Dobbiamo pazientemente lasciare che le nostre vite seguano il loro corso e le prove permesse da Dio creino il carattere di Dio in noi (Ebr. 12:11; Giac. 1: 4).

Satana vuole estinguere la tua luce (I Tim. 4:16). Odia le sacre braci dello Spirito di Dio, detesta la luce e la verità che cerchiamo faticosamente di mantenere e rappresentiamo come un sacerdozio reale (1 Piet.2: 9; Giovanni 17:17; Es. 27:20). Dio non ci riempie di calci quando siamo a terra ma ci incoraggia a rialzarci e superare i nostri limiti per andare avanti e compiere la sua opera, la missione per la quale ci ha creati (Sal 37:24; Filip. 3:13). Quando la tua fede vacilla e la tua fiducia è instabile, Cristo ti riaccenderà e aggiungerà più olio alla tua lampada in modo che tu possa risorgere e risplendere (Isaia 42: 3). “Poiché Dio non ci ha detto di essere pieni di ira ma di OTTENERE LA SALVEZZA… io vi dico, confortatevi ed edificatevi a vicenda” (1 Thes 5: 9-11).

“Perché Dio elogia il Suo amore verso di noi, in quanto, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi … Perché se, quando eravamo nemici, ci saremmo riconciliati con Dio con la morte di Suo Figlio, molto di più, essendo riconciliati, saremo salvati grazie al sacrificio della sua vita… dalla quale abbiamo ricevuto l’espiazione dei peccati” (Rom 8-11).

Se Dio può esprimere un tale amore per noi quando non conducevamo una vita cristiana, quanto più adesso che stiamo provando a vivere in lui, per quanto imperfettamente? Non soffriamo forse perché abbiamo fame e sete di giustizia? Fratelli apprezzate la vostra santa sofferenza! Essa ha uno SCOPO preciso nelle nostre vite e avrà un premio che durerà per l’eternità!

Nonostante i dolori dovremmo amare ancora di più Dio, soprattutto quando intravvediamo la Sua misericordia e la pazienza nei nostri confronti. La sua bontà dovrebbe stimolarci ad avvicinarci a Lui per fare ciò che possiamo per mostrare quanto apprezziamo il Suo tenero amore (Rm 2: 4; Luca 7:47). Nulla dovrebbe interferire nella nostra relazione con il Dio Creatore di tutte le cose! Se Dio ha salvato ripetutamente i nostri antenati, quando gridavano la loro disperazione verso di Lui, quanto più ora ci salverà dal Lago di Fuoco? (Giuda 23, 24).

Dio può salvarci da situazioni peccaminose e ripristinare la promessa del Suo sacerdozio (Zacc. 3). Possiamo essere “un marchio strappato dal fuoco delle tenebre”, salvato dalla “fornace dell’afflizione eterna” (Isa. 48:10). Dio può però ricordarci anche con rigore il modo in cui Egli desidera che siamo veramente per conquistare il suo Regno e raggiungere un atteggiamento di giustizia e non le cose superficiali di questo mondo che non possono riempire il vuoto della nostra vita (Sal 106: 15; 107: 9).

Dobbiamo in ogni momento tenere in mente il vero significato e lo scopo della nostra vita, sviluppare il carattere santo e giusto di Dio nella gioiosa anticipazione del Regno. Questo ci aiuterà ad affrontare ogni sfida che la vita ci mette davanti nel processo di purificazione che chiamiamo conversione. Dobbiamo ricordare sempre queste parole sante: “DIO È FEDELE e non permetterà che tu sia tentato al di sopra del tuo livello di tolleranza; ma ti fornirà per ogni tentazione una via d’uscita , in modo che tu possa gestire ogni situazione “(1 Cor. 10:13 parafrasato).

E renditi conto – come diceva l’apostolo “… che le sofferenze di questo tempo presente non sono degne di essere confrontate con la GLORIA che sarà rivelata in noi” (Rm 8:18) perché Cristo tornerà presto e ogni cristiano praticante sarà reso perfetto in Lui. Quindi aiutiamo con zelo e trepidazione il nostro Salvatore a preparare la strada per l’arrivo del nostro Signore che ricostruirà la NUOVA GERUSALEMME CELESTE! (Apocalisse 21: 3).

Il Regno di Dio è più vicino ogni giorno, quindi dovremmo alzare la testa e tenerci pronti evitando di scoraggiarci per andare avanti (Isaia 35: 3; Luca 21:28). Tutti inciampano ma l’importante è essere capaci di rialzarsi (Sal 37:24). Lascia che il tuo atteggiamento sia fedele al tuo Dio; Dì queste parole con santa devozione: “Non morirò, ma vivrò e dichiarerò le opere dell’Eterno. L’Eterno mi ha castigato dolorosamente ma non mi ha consegnato alla morte” (Sal 118: 17-18). Hallelujah!

Il perdono di Dio e il potere purificatore di Cristo rimangono continuamente in atto (Isa. 18). Dio sa cosa abbiamo passato nelle nostre misere vite perchè lo ha attraversato con noi, nel profondo, portando la sua corona di spine (Isa. 63: 9; Gen. 22:13; Ex. 3: 2). La linea di fondo suggerita dalla fede è: avere speranza e non disperare mai; la fede ci sostiene e ci toglie ogni paura! Dopo tutto, “…è un piacere per il tuo Padre Celeste darti la gioia del suo ​​Regno per tutta l’eternità” (Luca 12:32).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *