Crescita spirituale – perché è importante?

Auto-aiuto - Salute e Benessere - Consigli e segreti per stare bene

Crescita spirituale – perché è importante?

La crescita spirituale è sempre stata parte integrante del senso di benessere di un individuo, anche prima che l’umanità abbia concettualizzato il termine e lo abbia assimilato in una grande varietà di maniere in cui alla fine ha sviluppato diverse metodologie su come si può costruire su solide basi un serio cammino spirituale. Che tu la chiami – cristianesimo, yoga, karma o forse reincarnazione, questo poco importa. Ce ne sono così tante da non avere che l’imbarazzo della scelta. Esse vanno da quello di estrazione più mistica e si offrono anche in versioni più pratiche. Ma sia che stiate già percorrendo il vostro “cammino spirituale”, sia che abbiate un profondo bisogno di realizzazione spirituale, una profonda comprensione di cosa sia la spiritualità può essere molto utile per progredire nello spirito.

Per comprendere appieno il significato della spiritualità, forse è essenziale discutere il significato della radice stessa di questa parola, che è spirito. Lo spirito è una proprietà immateriale, che allude a qualcosa di incorporeo, di misterioso e non vincolato dal mondo materiale. 

Lo studioso e fisico più acclamato, Albert Einstein, ha alluso alla spiritualità utilizzando queste parole: “L’esperienza più bella che possiamo avere è il misterioso – l’emozione fondamentale che sta alla culla della vera arte e della vera scienza”. 

Questo ci porta ai due aspetti che ho poco fa menzionato: arte e scienza. Queste due discipline hanno dominato la coscienza umana nel processo di evoluzione per ottenere risposte ai misteri che caratterizzano l’universo. Queste due entità, ben distinte tra loro, possono essere opposte tra loro.

La ricerca di risposte è profondamente radicata nella nostra innata necessità di acquisire conoscenza di noi stessi e di come siamo connessi a tutto ciò che ci circonda. Attività banali come riparare un motore di un’auto o osservare un formicaio, sono manifestazioni inconsce di quel bisogno e, di conseguenza, legate alla spiritualità. Devi solo leggere l’opera magnum di Robert M. Pirsig, “Zen” e l’arte della manutenzione della moto, per capire di cosa sto parlando. 

Mentre ciò contraddice l’idea della spiritualità come qualcosa di non legato al mondo materiale, questi viatici fisici sono canali utili che ci consentono di raggiungere quella trascendenza e, a loro volta, ci svelano qualcosa di quel mondo così straordinariamente misterioso.

Alcuni individui raggiungono il sostentamento spirituale attraverso i mezzi della meditazione che è un processo di contemplazione approfondita, svolta verso l’interno di noi stessi per raggiungere un profondo stato di tranquillità, concentrazione e consapevolezza. 

La pratica della meditazione ha avuto origine dalle culture orientali ed è stata adattata dall’Occidente sotto forma di preghiera. I monaci buddisti sono persuasi che la meditazione è la via per l’Illuminazione, il che spiega il temperamento sanguigno con cui trattano con le altre persone.

Si tratta di un malinteso comune quello che la maggior parte degli individui è rappresentato dall’idea che la spiritualità sia esclusiva della religione. Mentre è vero che la religione ha aiutato molte persone a condurre una vita spirituale, essa in realtà rappresenta solo alcune sfaccettature che costituiscono il pieno significato della spiritualità. 

La spiritualità è una confluenza, un’accresciuta comprensione di ciò che siamo e di come siamo connessi all’intero spettro dell’esistenza, ed è anche il discernimento pratico che pone in evidenza quanto ogni piccola cosa è ugualmente essenziale e dipendente l’una dall’altra.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *