Quanta importanza dovresti dare a come gli altri percepiscono le tue emozioni?

Auto-aiuto - Salute e Benessere - Consigli e segreti per stare bene

Quanta importanza dovresti dare a come gli altri percepiscono le tue emozioni?

È molto facile pensare che, poiché le tue emozioni riguardano la tua sfera emotiva, le persone che gravitano intorno a te dovrebbero accettarti per i tuoi stati emotivi e per quello che mostri loro nella vita di tutti i giorni.

Non posso certo biasimarti. Dopotutto, ognuno di noi ha diritto a vivere le proprie emozioni. Tutti hanno la capacità di percepire gli stimoli del mondo e di elaborare il proprio giudizio e la propria analisi rispetto a tali stimoli.

Spesso questi giudizi innescano forti emozioni dentro di noi e sto parlando di una serie di emozioni talvolta davvero travolgenti.

La verità è che le persone elaborano la loro realtà quotidiana secondo le proprie credenze.

Ma c’è un problema che devi risolvere. Forse gli altri non la pensano esattamente  come te e devi cercare di districarti in questo mare agitato per far comprendere il tuo punto di vista e per questo motivo spesso sei costretto a scendere in trincea e lottare strenuamente per far rispettare il tuo punto di vista.

Se osserviamo le realtà che ci circondano solo secondo la nostra percezione e i nostri giudizi su tutto ciò che accade intorno a noi e rispondiamo emotivamente a questi eventi, rischiamo di metterci in una brutta posizione. Perché ti starai chiedendo?

Forse perché ci aspettiamo che gli altri accettino semplicemente il nostro punto di vista e i nostri stati emotivi. Questo è un problema serio e dobbiamo cercare di risolverlo oggettivamente più che soggettivamente.

Quando provi un’emozione forte, non la trattieni, la bruci in fretta e questa ti si deposita nel profondo del cuore. Essa può causare danni a lungo termine, spesso anche a tua insaputa. Il tuo istinto numero uno è di comunicare a qualcuno i tuoi stati d’animo, proprio quelli che ti mettono in crisi.

È qui che si presenta il problema. Se ci pensi bene, non c’è alcun problema nel sentire ciò che senti. Tutti hanno diritto ad elaborare la propria interpretazione degli eventi per giungere, dopo un’accurata analisi, ad una sintesi che sia la più soddisfacente possibile.

Il problema è invece un altro: sei davvero in grado di comunicare le tue emozioni in modo accurato ed efficace?

Ti senti come se fossi un pulcino nero e quando esprimi il tuo punto di vista ad altre persone, spesso ti sembra che non siano sulla tua stessa frequenza?

Potresti pensare che questa sia solo una semplice questione di autocoscienza e onestà. Fondamentalmente, hai assolutamente ragione. Ma devi definire però l’autocoscienza nel modo giusto. Devi essere consapevole, nel più ampio contesto, delle persone che gravitano intorno a te.

Devi tenere conto della realtà fenomenica in cui vivi ed interagisci e se non sarai capace di dare il giusto peso e la dovuta importanza alla lettura delle tue emozioni, rischierai di rimanere un piccolo bambino emotivo che deve sempre piangere e strillare per ottenere ciò che desidera.

Osserva invece il mondo in termini di processo evolutivo, “prendilo o lascialo”, non stare nel mezzo, prendi una posizione oggettiva che non danneggi qualche tuo interlocutore o ti metta in una posizione di difficoltà. Cerca di condurre un gioco che fino ad adesso hai ritenuto impossibile su te stesso.

Non serve a nulla dire: “questo è quello che sento e tutti dovrebbero accettarlo”; secondo questo tuo giudizio soggettivo gli altri sarebbero in errore e apparirebbero come delle persone cattive ed ingiuste, incapaci di comprendere alcunchè di ciò che senti e percepisci.

Puoi vivere la tua vita con una collera gigantesca! Ma a che ti serve? A che pro agire così? Questa non è una strategia di vita vincente. Credimi, usciresti alla fine perdente ogni volta.

Devi cercare invece di dare importanza al modo in cui le persone leggono le tue emozioni, riconoscere che gli altri forse le interpretano in un modo completamente diverso dal tuo.

Sii perciò consapevole di questa disconnessione perché avviene in tutti noi ogni giorno più spesso di quanto pensiamo.

Questo dovrebbe innescare una sorta di semaforo rosso. E farti comprendere  che probabilmente è arrivato il momento di capire meglio come esprimere le tue emozioni e quanto sei onesto nel percepirle in modo corretto.

Un po’ di introspezione può fare molto quando si tratta di instaurare una migliore comunicazione emotiva.

Questo nuovo atteggiamento può portare sicuramente a delle relazioni migliori con gli altri.

Non commettere errori! Devi dare un’enorme importanza a come gli altri interpretano le tue emozioni. Comprendi che esiste un limite invalicabile in certe situazioni.

Non puoi permettere agli altri di importi ciò che puoi e non puoi fare ma non puoi farlo nemmeno tu. Invece, dovresti semplicemente considerare le loro percezioni come una sorta di indicatore prezioso della maniera in cui puoi comunicare le tue emozioni personali in modo completamente nuovo.

Per capire come funziona il processo di sviluppo dell’intelligenza emotiva e gli effetti positivi che può portare nella tua vita per una migliore comunicazione, clicca qui: https://amzn.to/2EAyYNJ

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *