Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Auto-aiuto - Salute e Benessere - Consigli e segreti per stare bene

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

“L’unico modo di fare un ottimo lavoro è amare quello che fai. Se non hai ancora trovato ciò che fa per te, continua a cercare, non fermarti, come capita per le faccende di cuore, saprai di averlo trovato non appena ce l’avrai davanti. E, come le grandi storie d’amore, diventerà sempre meglio col passare degli anni. Quindi continua a cercare finché non lo troverai. Non accontentarti. Sii affamato. Sii folle” (Steve Jobs).

Premessa

Questa breve Guida vi aiuterà a capire se la vostra attuale professione riesce a gratificarvi fino al punto di farvi crescere dal punto di vista finanziario e personale o se, viceversa, è giunto il momento di cambiare lavoro.

Quelle contenute in questo Manuale, sono regole di buon senso ma anche strategie utili per cercare di prevenire il malcontento sul posto di lavoro e lavorare con soddisfazione.

La crisi di lavoro degli ultimi anni non ci permette sempre di svolgere un’attività professionale che appaghi la nostra soddisfazione personale e metta in luce i nostri migliori talenti.

Spesso dobbiamo accontentarci e ripiegare, pur di pagare le bollette. Ma con una buona strategia potremmo capire che anche un lavoro non pienamente appagante può essere svolto con interesse e con professionalità.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Considerazioni preliminari

Odiate il vostro lavoro e siete alla ricerca di strategie per sopravvivere? O forse, non odiate davvero il vostro lavoro? Troppo spesso vi trovate a divagare con la mente in tutt’altri pensieri che non riguardano il vostro lavoro? Forse sei al limite della sopportazione ed è tempo di correre ai ripari e fare qualcosa per cambiare la situazione.

Non potete pensare di andare avanti così ancora a lungo. Dovete agire.

Coraggio, non c’è alcun bisogno di sentirsi depressi. La maggior parte delle persone sono nella stessa situazione; molti studi dimostrano che pochissime persone amano il loro lavoro. Quindi cosa si può fare?

Se ogni giorno sei bloccato, annoiato e infelice sul posto di lavoro, non disperare, non tutto è perduto. In questa breve Guida parliamo di alcune strategie da adottare per vivere serenamente il vostro lavoro quotidiano.

Ammettilo, alcuni lavori sono davvero terribili e alcuni datori di lavoro sono davvero insopportabili.

Dobbiamo subito chiarire che non tutte le strategie qui esposte funzioneranno per voi. Ogni professione è diversa e ogni dipendente può avere molte ragioni per non ricavare il massimo dal proprio lavoro. Quindi assicuratevi di sperimentare i metodi che più vi fanno sentire a vostro agio e ricordate che un semplice impiegato potrebbe avere alcune opzioni in più rispetto a quello che può fare un ufficiale di polizia.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Prendete coscienza

Per prima cosa, hai avuto modo di prendere coscienza che il tuo lavoro probabilmente non ti appaga come vorresti e desideri ricavarne maggiori soddisfazioni. Prenditi un po’ di tempo; siediti e con calma cerca di capire i punti negativi del tuo lavoro. Scrivili su un pezzo di carta e dormici su per una notte. Il giorno seguente scrivi altri punti che ti vengono in mente e magari elimina qualche punto o due della prima lista che non ti sembra convincente. Devi avere un quadro chiaro nella mente per capire in che modo risolvere la situazione.

Ora, classifica i tuoi punti – gli aspetti più irritanti del tuo lavoro sulla parte superiore. Ci servirà una buona lista, perché a meno che non avrai la fortuna di vincere al Superenalotto questa sera e andare in pensione anticipata, dovremo cercare di analizzare le parti della lista in cui hai annotato le cose che più odi del tuo lavoro.

A suo tempo arriveremo ad analizzare anche le parti meno importanti della tua lista, come le difficoltà di trovare parcheggio, la pausa caffè e l’odioso intermezzo di mezzogiorno per il pranzo.

Ora guarda la tua lista. È ragionevole? Se la tua situazione è quella di una cameriera il cui capo non le consente di avere i capelli verdi e un anello al naso, beh … io non sono sicuro che ci sarà una soluzione per risolvere il tuo problema, almeno fino a quando cambierai lavoro o avrai la fortuna di vincere un sacco di soldi alla Lotteria.

Quello che è importane capire è che ci sono alcune aree del proprio lavoro che semplicemente non si possono cambiare e si tratta di quelle in cui il vostro datore di lavoro ha il controllo completo. Quindi con queste aree e le sue specifiche situazioni dovrete semplicemente imparare a convivere. Se non siete disposti a farlo, sarete, probabilmente costretti a lasciare il vostro lavoro e cercarne un altro.

Quindi chiedetevi ancora: l’elenco che ho stilato è ragionevole? Bene, ora ci prenderemo il tempo per analizzarlo.

Cominciamo a dividere le aree generali di denuncia in diverse sezioni. Se il numero di una voce è più in basso sulla lista, non preoccuparti, basta sfogliare verso il basso.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Soldi, soldi, soldi

Molte persone odiano il loro lavoro perché lavorano sodo tutto il giorno e non riescono mai a raggiungere i propri obiettivi.

Con tutto il tempo che dedicano al lavoro si chiedono perché con quello che guadagnano riescono a malapena a pagare le cose strettamente necessarie alla loro sopravvivenza, perché i loro portafogli sono sempre vuoti e non possono concedersi qualcosa in più. Ad esempio una vacanza, una cena di pesce, un trattamento benessere, ecc.

Capita anche a voi? Se anche la vostra situazione è come quella descritta, potete mettere in atto due strategie per affrontare il problema, una è motivazionale, e l’altra strategica. A dire il vero, probabilmente, dovreste lavorare su entrambe.

Parleremo prima di quella strategica.

Stai davvero facendo tutto il possibile per massimizzare il guadagno dal tuo lavoro? Hai seguito i vari corsi di formazione e di aggiornamento? Hai parlato con il tuo capo riguardo ad un’eventuale rilancio della tua posizione o su cosa devi fare per essere promosso ad una mansione che ti permetta di occupate un livello più alto nella carriera e quindi guadagnare di più?

La maggior parte delle persone non hanno nemmeno il buon senso di sedersi e parlare con il loro datore di lavoro su una possibilità di avanzamento della loro carriera. Restano lì, apatici, senza nessuno stimolo e si accontentano di ciò che hanno. Invece dovete farlo e farlo senza indugio!

Se non si ottiene nulla dal colloquio con il vostro datore di lavoro, almeno ci avrete provato. Forse il vostro datore di lavoro non sa nemmeno che desiderate crescere e migliorare. Provate a farvi avanti.

Il vostro capo è proprio come il vostro coniuge, non riesce a leggervi nella mente.

Parliamo ora della prima motivazione per un attimo. Avete un marito o una moglie? I vostri bambini amano mangiare bene, viaggiare, andare al cinema? Il vostro lavoro vi fornisce i mezzi per un adeguato tenore di vita?

Certo i dadi e i bulloni del vostro lavoro in fabbrica potrebbero essere noiosi, ma piuttosto che concentrarsi su questo aspetto negativo, provate a pensare a ciò che vi offre il lavoro. Molte persone si concentrano su ciò che non hanno, piuttosto che su quello che fanno. Provate a pensare che il vostro lavoro noioso vi fornisce i soldi per una vita fondamentalmente felice.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Un lavoro insopportabile e noioso

Sei stato al lavoro per dieci minuti e già ti senti depresso e non ce la fai più? Il tuo lavoro non ti permette di pensare? A volte credi che persino una scimmia addestrata potrebbe fare il tuo lavoro altrettanto bene? Tutto questo ti suona familiare? Molte persone sono annoiate mentre sono al lavoro.

La verità della questione è che la maggior parte dei lavori sono esattamente come il tuo. Compiti ripetitivi, che si rinnovano ogni giorno e che in apparenza non danno alcuna soddisfazione. Tutto deve essere fatto in un determinato modo e ci sono buone probabilità che chi ha progettato le mansioni da svolgere nel vostro posto di lavoro, si sia assicurato che il dipendente avrebbe dovuto pensare solo al proprio lavoro e a nulla di più.

Così molti datori di lavoro sembrano essere rischio-negativi e questi sono coloro che progettano un lavoro che non può essere facilmente diversificato. Resta noioso sempre.

Vi starete chiedendo: ma come si fa a vivere così? La risposta è più semplice di quanto si potrebbe pensare. Dovete far in modo che sembri tutto un gioco svolgendo al meglio le vostre mansioni. Sappiamo di una cameriera che può dire esattamente quanti piatti ha servito negli ultimi tre anni. Abbiamo parlato con un cassiere di banca che sapeva tenere a mente il numero dei clienti serviti in un giorno (o in una settimana). Ci sono poliziotti che tengono traccia dei loro biglietti lasciati nelle aziende durante il turno di notte e panettieri che contano i loro dolci, le loro briosche, i loro kraphen.

Ricordate quando eravate piccoli? Ricordate quando da ragazzi dovevate svolgere con attenzione le vostre faccende quotidiane? Era tutto come un gioco e tutto sommato lo facevate anche volentieri anche se era ripetitivo.

Se il vostro lavoro è noioso fate in modo che diventi un gioco divertente che vi occupi la mente e vedrete che lo farete più volentieri. Ci sono buone probabilità che le persone intorno a voi si chiederanno perché state sorridendo e perché il lavoro che stai facendo ti diverta così tanto.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Colleghi molesti ed intrattabili

Cribbio lei è maleducato!

I colleghi di lavoro malvagi sono ovunque e non stiamo parlando solo di semplici scortesie o di cose da poco. Esistono molti dipendenti e colleghi che possono diventare la personificazione del male!

Il loro profilo è sempre lo stesso. Odiano il loro lavoro più di quanto lo odi tu. Sembrano odiare anche la vita, il mondo e tutto ciò che lo contiene. Sono infastiditi da un nonnulla e da loro fastidio persino respirare. Purtroppo per motivi di lavoro, siete costretti a frequentare a lungo queste persone e passare una considerevole quantità di tempo a stretto contatto con simili soggetti. Dovete in qualche modo interagire. E allora? Che fare?

Avete mai pensato di parlare con loro? Dire chiaramente che non vi piace il modo in cui venite trattati. Dare loro la possibilità di cambiare e adottare un altro atteggiamento nei vostri confronti. Certo, non devi essere conflittuale, almeno, non in un primo momento.

Concentratevi su una cosa in particolare, che il collega dice o fa, e cercate di convincerlo a cambiare atteggiamento. Dite loro di gettare l’immondizia nel proprio barattolo o di astenersi dal chiamarti “caro”, “amore, “tesoro”.

A volte, cominciare da una piccola modifica, è un metodo che funziona a meraviglia.

Se siete respinti, o peggio ancora, insultati, potrebbe essere il momento di parlarne con il vostro datore di lavoro circa il modo in cui venite trattati da una determinata persona. Mantenere la calma, non urlare o lanciare accuse ingiustificate. Non serve a nulla, anzi peggiora la situazione.

Chiedete aiuto in modo pacato ed educatamente e ricordate che il vostro datore di lavoro sarà felicissimo di questa conversazione. Tutto quello che dovete fare è pazientare; dare tempo al tempo e attendete che i tempi siano maturi per migliorare la situazione.

Nello stesso tempo, preparati alla possibilità che questa persona fastidiosa non cambi e continui a disturbarti. A meno che non si tratti di una situazione di molestie sessuali o di qualche altro problema inerente alla qualità del lavoro svolto, negli altri casi si è purtroppo costretti a continuare a lavorare con questa persona molesta senza poter fare granchè.

Ci sono poche alternative. Ignorare questa persona o imparare a gestire la situazione nel miglior modo possibile. Trovare dei compromessi e un modo di vivere e lavorare in una situazione che non sempre risulta appagante.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Il boss è proprio un’idiota

Questo è probabilmente il problema più difficile da superare. Se il tuo capo è uno cattivo, le cose probabilmente non miglioreranno. Purtroppo, qualcuno ha avuto modo di ricoprire delle cariche all’interno dell’azienda e quando il tuo capo è incompetente o semplicemente irragionevole o parziale, la situazione diventa veramente difficile da gestire.

Se il boss è semplicemente incompetente, la cosa migliore che puoi fare è quello di fornirgli tutto l’aiuto che puoi. Non solo puoi diventare prezioso per lui ma potrai anche imparare a poco a poco il suo lavoro, quindi posizionarti in modo migliore in questa o in una diversa organizzazione.

Maggiore è il set di abilità, maggiore è la flessibilità quando si tratta di trovare una più impegnativa e appagante opportunità di lavoro!

Se, d’altra parte, il tuo capo è irragionevole e/o di parte, hai diverse strategie disponibili da adottare:

Sopportare, svolgere il tuo lavoro nel miglior modo possibile e sperare che egli si accorga del tuo valore, oppure cercare un altro lavoro.

Si potrebbe anche tentare di seguire la strada della gerarchia e chiedere un colloquio al capo del tuo capo per esporre la situazione che ti sta a cuore. Infine si può agire giudizialmente.

Tieni a mente che il capo del tuo capo potrebbe non importargli se lui è violento nei tuoi confronti. Le posizione alte della gerarchia tendono ad aderire ad una linea di fondo orientata e se i numeri del tuo capo, intesi come risultati in profitto, sono buoni, la tua infelicità potrebbe essere il prezzo da pagare per fare affari con loro.

Se avete intenzione di combattere, tenete a mente che avete anche una buona possibilità di perdere. Cercate di comprendere i rischi prima di iniziare il contenzioso.

Imparate a scrivere tutto. Tenete un diario di quello che sta succedendo, ogni volta che avrete contatti con il vostro capo annotate ciò che accade. Tenere un registro vi consentirà di difendervi se le cose sfuggono di mano. La prima cosa è proteggere se stessi.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Non lasciate che abusino di voi

Siete sepolti nel lavoro? Non riuscite a gestire le scadenze? Vi vengono assegnati nuovi compiti prima che vengono terminati quelli vecchi. Siete stressati e non c’è sollievo in vista. Che cosa fare?

Per prima cosa dovete pensare che ci sono altre persone nella vostra organizzazione che svolgono lo stesso lavoro. Se è così e stanno gestendo la stessa quantità di lavoro senza stressarsi, il problema potrebbe essere che il lavoro che fate non è quello giusto. Ma se tu sei l’unico a fare questo lavoro o se tutti stanno facendo questo lavoro e hanno gli stessi problemi, potete disporre di diverse strategie disponibili.

Non lasciate che abusino di voi. Prendete il tempo necessario per il vostro pranzo, prendete le pause che vi spettano! Un impiegato stressato fa un pessimo lavoro. Chi lavora sapendo di sprecare il proprio tempo libero per fare gli straordinari, da uno scarso risultato al proprio datore di lavoro.

Chiedete aiuto! Informate il vostro supervisore che siete eccessivamente appesantiti e sempre più indietro nel lavoro. Mostrate al vostro capo quello che state facendo e se potete dimostrare che state lavorando duro e ciò nonostante, si accumulano sempre più arretrati, sarà responsabilità del vostro capo trovare una soluzione.

Purtroppo tante persone hanno paura di chiedere aiuto, temendo che il loro capo creda che siano pigri o incompetenti. Ma se si sta facendo tutto il possibile e ciò che è ragionevole, non c’è nulla da temere.

E’ meglio per tutti essere onesti circa la propria situazione. La maggior parte dei datori di lavoro potranno apprezzare l’onestà.

Se possibile, cercate di avere una soluzione in mente. Ci sono compiti che non si dovrebbero svolgere? Siete indietro con il vostro lavoro perché costretti a coprire quello di qualcun altro? Siate pronti a dare suggerimenti. Essi potranno anche non essere accettati ma di certo non farà male a provare.

Il supervisore apprezzerà il fatto che avrete analizzato a fondo la situazione e le varie opzioni per risolvere il problema.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace

Conclusione

Ci sono molte ragioni che potrebbero portare la gente ad odiare il proprio lavoro, ma non importa, tu non sei la prima persona ad aver attraversato tutto questo. Non sei solo. Mantieni sempre una mente aperta sulle possibili soluzioni al problema. Pensa, comunica con i tuoi colleghi e con il datore di lavoro. Sii pronto a cambiare il tuo atteggiamento.

Nessuno può farti sentire inadeguato senza il tuo permesso

Questo è vero per un sacco di cose, nessuno può farti sentire infelice senza il tuo permesso, nessuno può farti sentire arrabbiato senza il tuo permesso.

Il tuo atteggiamento può mutare e tutto potrebbe migliorare con questo semplice accorgimento.

Sta a te capire come cambiare e come reagire alle varie situazioni. Ti accorgerai che tutto ciò potrebbe realmente fare una grande differenza.

E se tutti i tentativi per migliorare falliscono e il tuo attuale lavoro è motivo di stress e ancor peggio della perdita della salute mentale e nonostante tutte le strade percorse per risolvere le situazioni conflittuali non sei approdato a nulla, forse è giunto il momento di pensare che è meglio cambiare lavoro. Ricorda, un lavoro è solo un mezzo per vivere. La tua vita non è qualcosa che si deve vendere a costi troppo alti.

Pensa, fermati, medita, fai tutto ciò che è possibile e che è nelle tue possibilità. Forse potresti accorgerti che il tuo lavoro non è poi così male come pensavi in un primo momento.

Come amare il tuo lavoro anche se non ti piace – articolo scritto da Alan Revolti (editor e consulente di marketing della piattaforma Professione Scrittore

LETTURE CONSIGLIATE

CONQUISTARE SUCCESSO, FAMA, RICCHEZZA E SALUTE

Il meglio di Napoleon Hill – Il più grande motivatore di tutti i tempi

Info su: https://sell.streetlib.com/go/N1VTsmBar

Visita la nostra pagina Facebook: www.facebook.com/newsautoaiuto

Contatta la nostra redazione utilizzando l’apposito form

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *